Categoria: Senza categoria

Come correggere i bambini con la trascendenza: il nipote di Gandhi

Come correggere i bambini con la trascendenza: il nipote di Gandhi

Molti genitori credono ancora che è impossibile educare senza punire, che per i bambini di obbedire, affinché rispettino limiti giusti e necessari, in modo da adempiere i loro doveri o rispettare le norme, è essenziale ricorrere a ricompense e punizioni, premi e correzione o addirittura qualche violenza per riequilibrare i comportamenti inusuali

Ma quello che i genitori (e i ) hanno bisogno è trovare altre soluzioni che hanno la punizione come un’alternativa eccezionale. Pensa correttamente colui che lo fa male, perché chi sa correggere con affetto e domanda non punisce correttamente, ma sta educando. Il corretto e duraturo correttivo, escludendo e scollegato dal fatto di reprimere, minaccioso e talvolta inumano, violento e vendicativo, che vieta cose buone o forze per svolgere attività assurde, non portano da nessuna parte. Probabilmente per la semplice ragione che chi punisce non è incluso nella pena

Un buon esempio di coerenza educativa

Soprattutto, ci fa riflettere sull’anosciuto che, in una occasione, il medico ha detto Arun Gandhi nipote di Mahatma Gandhi e fondatore dell’istituto di MK Gandhi per la vita senza violenza

Quando aveva 16 anni e vissuto con il suo genitori nell’istituto che suo nonno aveva fondato in mezzo a grandi piantagioni di zucchero, a circa trenta chilometri da Durban, in Sudafrica, suo padre gli ha chiesto di portarlo in città per partecipare a una conferenza che è durata tutto il giorno. Arun era molto felice perché era presentato con l’occasione dei pochi che a quel tempo dovevano trascorrere una giornata in città. Approfittando del viaggio, la madre gli diede una lista di acquisto e il padre gli chiese di portare la macchina al seminario.
Arriva alla sua destinazione, padre e figlio si salutarono fino alle cinque del pomeriggio, tempo in cui la conferenza è terminata. Arun ha eseguito le commissioni in un momento di rottura, ha lasciato l’auto in officina e ha avuto abbastanza tempo per entrare in un cinema. Non ricordo l’ora che non avevo visto un film di John Wayne . La sessione continua gli ha fatto dimenticare l’orologio. All’improvviso erano cinque e trenta. Ha lasciato in fretta, corse in officina e è venuto a prendere il suo padre
con un’ora di ritardo.

Cosa ti è successo? Perché stai tardi? Arun si sentiva male per aver visto un film mentre il suo padre aspettò un’ora dopo una lunga giornata e lasciò una bugia:
La ​​macchina non era pronta e dovevo aspettare
Ma il padre aveva chiamato il negozio e sapeva che non era vero. Era triste e disse:
Qualcosa che non ho fatto bene, figlio mio, non ho imparato a educarti in modo che tu abbia abbastanza fiducia per dirmi la verità. Farò a riflettere su questo, cammino a casa per essere in grado di pensare a quale punto ho sbagliato. Così, vestito con il suo abito elegante e le sue nuove scarpe, ha fatto i trenta chilometri indietro su strade poco pavimentate e nel buio. Il suo figlio lo seguì con l’auto durante le cinque e mezz’ora che lo portarono a casa. -confiesa Arun nipote di Gandhi -, Decisi che non avrei mai più mentito. Molte volte mi ricordo di quell’episodio e penso … Se avesse punito il modo in cui abbiamo punito i nostri figli, avrebbe imparato la lezione?

Arun Gandhi è convinto che , se il padre aveva imposto un correttivo convenzionale, avrebbe continuato a fare lo stesso; D’altra parte, la non punizione rimane impressa nella sua memoria

 

Bambini perfetti? No, grazie

Bambini perfetti? No, grazie

 

Non ci sono bambini perfetti. La perfezione è nel nostro modo di guardarli. Se cercate difetti, li troverete. Se stai cercando talenti, li troverai

Non sono la tua proprietà. Non appartengono a te Hai semplicemente dato loro la vita e, una volta data, devi solo prendersi cura di essere proiettati in modo integrale.

Tre idee chiave circa le aspettative:

  • I bambini non vengono scelti . Portiamo al mondo persone con certi geni e con una personalità innata. Con talenti, disordini, limitazioni e possibilità. E questo è ciò che è valido per lei: che cosa la rende diversa. Volendo renderli una versione di noi o che cosa non siamo diventati non è etica. Ed è dannoso
  • accettarli come sono implicati per vedere i loro talenti e proporre sfide per incoraggiarle a disegnare le proprie aspettative e per risvegliare in loro la necessità di superare se stessi. Le aspettative arricchenti sono indispensabili, ma devono essere ben calibrate, adattate allo stato evolutivo del momento e rispettando la natura dei bambini.
  • Per questo, non basta che lei lo chiede o che tu abbia obiettivi chiari. Devi preparare, formare e migliorare come padre. Devi offrire opportunità di crescita. Trovare i mezzi per farlo diventare la migliore versione di se stesso. E mai la versione migliore delle tue aspettative.

 

Bambini e genitori felici (libro)

Bambini e genitori felici (libro)

 

Autore: Alberto Soler e Concepción Roger
Editore: Kailas
ISBN: 9788416523955

Adoro questo libro. E lo amiamo perché abbiamo finalmente letto un libro rassicurante che, attraverso spiegazioni semplici e allo stesso tempo scientifica, arricchisce l’insicurezza che quasi sempre coinvolge l’educazione dei figli nel primo anni di vita

È un libro che permette ai genitori di gestire le proprie emozioni, risolvere dubbi e soprattutto imparare dall’esperienza di questi due genitori e degli psicologi
Come applicare i limiti? Come gestire i tantrums? Come promuovere l’autonomia? Come ottenere un allegato sicuro? Cosa succede se tu tu ti respinge? Qual è il ruolo di padre nell’allattamento al seno? È possibile educare senza premi o punizioni?
Un grande libro per evitare inutili preoccupazioni, vivere i primi tre anni dei nostri figli completamente e naturalmente, facendo tutta la nostra interazione con loro un’esperienza arricchendo per tutti.
Abbiamo messo un 10.

Acquista su Amazon.es

80 domande per il tuo bambino per capire una situazione politica conflittuale

80 domande per il tuo bambino per capire una situazione politica conflittuale
Odio, odio e odio di più. Questa è la situazione reale che si sta vedendo nel mio paese e in altri paesi del mondo. Un odio che perspica i nostri figli e che si adatta alle loro menti nell’allenamento con una terribile normalizzazione

Se noi come i genitori non proteggano le loro menti con un’educazione basata su nello sviluppo di abilità cognitive critiche, li lasciamo alla fornitura di emozioni altrui, sia quelle nostre che quelle degli altri, che si confondono con i propri sistemi di valori senza che siano necessarie riflessioni necessarie in una libera apprendimento

Con tanta diversità di idee e sentimenti, è il nostro lavoro insegnare loro “ a pensare” affinché possano analizzare tutte le informazioni che in pochi secondi passano attraverso i loro sensi, sanno difendere le proprie idee senza dover attaccare, denigrare o convincere gli altri

Imparare a fare domande strategiche


“Quando gli uomini vengono chiesti e vengono chiesti bene, rispondono a confo Per questo è necessario formulare questioni strategiche che consentano loro, in queste situazioni di opinioni contrastanti, di individuare dettagli significativi, distinguere tra le informazioni pertinenti e non rilevanti, eventi di sequenza e eventi, danno significato alle espressioni e ai comportamenti di significati diversi, fanno ipotesi, inducono e deducono, pensano a soluzioni alternative, individuano errori … con l’obiettivo di aiutare i nostri distinguere tra fatti e opinioni, non reagire, ma rispondere e sviluppare il loro pensiero metacognitivo .

Domande per raccogliere informazioni

Cosa? Come? Chi? Dove? Quando? Perché? Come è? Con chi? Per cosa?

Cosa pensi che sta succedendo?
Cosa sai già su questo?
Perché dici questo?
Cosa Cosa pensi che possa succedere?
Cosa succede se …?
Cosa pensi che succederebbe se …? è il peggiore che possa succedere?
Cosa avresti fatto nella stessa situazione?
Se faccio o faccio questo, cosa accadrà?
Pensi di aver raggiunto quello che volevano?
Potrebbe essere accaduto in un altro modo?
Cosa sentiresti se invece fosse accaduto il contrario?

Domande di sfida

Come immaginate che la storia finirà?
Come ti sentiresti? se avessero fatto a te?
Puoi dirci come risolveresti?
Qual è la posizione opposta a questa situazione?

Controlla le domande

Guarda attentamente e ti prende il tempo, sei sicuro che hai notato tutto ciò che è importante?
Cosa puoi dirmi di ciò che vedi?
Pensi la tua risposta è completa?
Come hai potuto provarlo?
Dove hai ricevuto le informazioni?
In che modo pensi di fornire le informazioni più affidabili e rilevanti?
Non lo capisco. Puoi dare un esempio?
Come possiamo verificare i dati?
Sei veramente sicuro di quello che stai dicendo? A cosa hai basato?
Come stai facendo quella decisione? Ti prende per il tuo stato emotivo del momento o per il tuo buon senso?
Domande di connessione

Cosa mi hai appena spiegato, come possiamo relazionarlo ad altre situazioni che si sono verificate a casa, nel università …
Questa stessa situazione, pensi che possa accadere ad un altro?
Come pensi che la persona lo risolverà?
Sarebbe quella persona sentirsi uguale a te? …
C’è qualche punto di comune tra quello che dici e quello che dico?
C’è un punto di vista diverso da te?
Perché pensi che il tuo punto di vista sia corretto?
Possono essere i due punti corretti?
Come possiamo sapere quale delle due proposte o risposte è il migliore?

Domande creative

Quali altre idee hai per risolverlo?
Cosa diresti a un amico nella stessa situazione
Su quale altra occasione potremmo applicare la stessa soluzione
Come potevano averlo ottenuto in qualsiasi altro modo

Domande per valutare le conseguenze

Se fai quello che dici, cosa pensi che accadrà?
Se quello che dici tu accade, Risolvere il problema?
Quali conseguenze avrebbe dovuto essere in quel caso? Tuo o qualcun altro?
Pensi che è giusto per gli altri risolvere il problema in questo modo?
Una volta risolto il problema, pensi che ciò che guadagni compensa lo sforzo?

Perché non hai considerato un altro modo alternativo per risolverlo?
C’è qualcos’altro modo per spiegare quello che hai appena detto?
Cosa mi sostenga se Ti ho detto che quello che dici non è vero?
C’è un’altra risposta? Perché?
Cosa ne pensi quando …?
Sei d’accordo o non sei d’accordo?
Perché dici?
Perché dici?
Puoi spiegarmi perché questo è necessario? e quali benefici?

Domande di analisi

Potreste dirmi differenze e somiglianze?
Qual è il rapporto tra quello che dici e quello che dico?
Potete prevedere quali saranno le difficoltà?
Perché è vero quello che dici?

Domande di connessione con un altro scenario o persona

Dov’è sempre succedere allo stesso modo? ] Questa situazione è simile a quello che è successo un po ‘fa, ma ora c’è un piccolo ma importante differenza. Che cosa è?
Puoi dare un esempio di quello che dici, per favore?
Puoi applicare questa stessa soluzione in un altro scenario? E con altre persone
Perché pensi che xxx dice o fa?
Come influirà sugli altri?

Stai educando per la pace?


Ora più che mai ha significato per farci questa domanda. In tempi di pace è facile rispondere, ma è ora quando dobbiamo aumentare la consapevolezza nel tipo di educazione che noi diamo ai nostri figli e al tipo di modelli che siamo , a prescindere dalle nostre idee politiche

Una buona domanda per noi stessi è questa: con i miei commenti e con la mia performance, contribuisco al sentimento di mio figlio di odio verso gli altri?

“La pace è un sistema cognitivo che dobbiamo imparare, un modo di comprendere che il mondo non appartiene a nessuno in particolarmente, ma tutti apparteniamo a lui “.

(altro…)

Guide: vendere un orologio usato

Quali orologi si possono vendere?

vendere un orologio da polso deve essere un mix tra emozione e conoscenza, perchè tutti gli orologi da polso, per quanto possano alcuni sembrar così lontano dal nostro essere hanno un potenziale acquirente.

I primi passi, però, sono tali in tutte le esperienze. Perchè la partenza non sia ricordata come un trauma, bisogna cercare di osservare alcuni accorgimenti: l’era della cyber-comunicazione di internet dà la possibilità a supporti come questo in cui sto scrivendo, di divulgare e condividere rapidamente l’informazione come la carta stampata non riuscirà mai a fare, ma bisogna trattenersi dal materializzare un pessimo affare che dista da noi semplicemente a due click del mouse.

L’orologio da polso è praticamente l’unico gioiello da uomo. Le persone possono interessarsi a questo mondo per motivi differenti: come status symbol, o come forma di investimento dal momento che negli ultimi anni abbiamo assistito a delle rivalutazioni notevoli, ma per molti questi oggetti hanno più semplicemente un fascino particolare, un’anima.

Raccogliere un assortimento di orologi da collezione ha sicuramente delle motivazioni molto personali che sono molto soggettive. Alcuni appassionati iniziano a raccogliere – come molte persone – motivati da un forte interesse personale, un interesse che in questo caso è chiaramente l’alta orologeria.

 

Attenzione alle contraffazioni:

Gli orologi d’epoca, specialmente quelli costruiti più di 30 anni fa, vanno osservati attentamente dentro e fuori: il movimento deve corrispondere nella referenza e nei sigilli di riconoscimento; all’esterno anche la fibbia del cinturino o il bracciale possono far la differenza così come la ghiera, se è un subacqueo, deve corrispondere nella serigrafia e nell’allineamento con la cassa.
I quadranti sono “il polso” dell’orologio stesso. vanno bene quelli puliti anche se mostrano i segni degli anni; occhio a quelli troppo invecchiati.
I numeri di serie così come le scritte, ad un attento esame, possono rivelare nella loro fattura, incisione e spaziatura un abile, ma individuabile contraffazione.
Le scritte a mano all’interno del coperchio per documentare precedenti revisioni sono spesso uno specchietto per le allodole, così come lo sono certificati di pezzi di ricambio sostituiti: quasi a voler creare un passato e un passaporto tecnico che in realtà non esiste.
In mancanza di una garanzia dell’epoca, l’estratto degli archivi della casa madre può, come già detto altre volte, essere un ottima certificazione.
Anche il funzionamento in termini di precisione dovrebbe essere preteso dall’acquirente: non è detto che un orologio solo perchè sia d’epoca, debba perdere o anticipare di parecchi minuti al giorno la lettura del tempo; questo punto non è proprio una dritta per non incappare in una patacca, ma gli orologi maneggiati con pezzi di ricambio non originali e con una cattiva manutenzione si comportano proprio così.

Tutti gli appassionati di orologi di classe, cercano modelli costosi ma anche che siano un simbolo dell’orologeria, orologi che hanno fatto la storia, grazie ai loro meccanismi unici, ai materiali raffinati e costosi, e al gusto del loro design, oltre che al prestigio delle case orologerie che le hanno prodotte. Tieni sempre presente che dovrai effettuare acquisti o vendite solo su siti conosciuti come pasinigioielli e che mettono a disposizione sistemi di valutazione evitando così di avere delle brutte sorprese. Di marche orologi costosi, di orologi d’oro e lussuosi c’è ne sono molti, ma solo alcuni modelli possono essere considerati il top, il meglio del meglio, perché solo alcuni di loro, sono entrati nel cuore dei loro clienti e nella storia degli orologi. Ecco perché abbiamo voluto stilare questa classifica orologi di lusso, per differenziare il valore di quest’ultimi da quello degli orologi costosi.

 

Guide: Caricare e scaricare un camion non è per niente facile

Quando qualcuno si comporta in maniera particolarmente grossolana c’è l’usanza di apostrofarlo come ‘scaricatore di porto’, come se il lavoro del carico e dello scarico della merce sia una bazzecola che chiunque possa fare in totale sicurezza ed efficienza. Niente di più sbagliato: questo è infatti un lavoro ad alto rischio per la sicurezza degli addetti e che richiede di seguire moltissime regole per essere eseguito senza incidenti e in poco tempo. Solitamente le operazioni di scarico e di carico sono affidate a dei magazzinieri appositamente formati, ma sono sempre maggiori i casi in cui l’azienda ricevente domanda all’autista la movimentazione della merce anche oltre alla semplice banchina di arrivo. Questa prassi, però, può risultare molto pericolosa, proprio perché l’autista non è tenuto a conoscere tutte le norme di sicurezza di tale operazione. Per ‘dare una mano’ amichevolmente, per fare un favore all’azienda, o per velocizzare il ritmo, succede però piuttosto sovente che persone non preparate finiscano per scaricare dei pellet dai rimorchi, utilizzando macchine per sollevamento carichi e carrelli elevatori, senza magari avere nessuna delle cognizioni necessarie. Le possibilità di causare dei danni, sia alle persone che alle cose, aumentano quindi esponenzialmente.

Caricare o scaricare un camion nel modo corretto non è però unicamente una questione di sicurezza: per ridurre i prezzi di trasporto, l’inquinamento e il numero di viaggi necessari, negli ultimi anni l’operazione della preparazione del trasporto su gomma è diventata una vera faccenda da esperti. Se per esempio fino a qualche tempo fa il lavoro dei magazzinieri e dei trasportatori era rivolto al floor-fill, ovvero a riempire perfettamente il pianale dei rimorchi con i pellet, ora si sta passando al cube-fill, anche detto riempimento volumetrico. In questo secondo caso, i pellet vanno dunque riposti uno sopra l’altro, rispettando però la mescolanza tra carichi pesanti e leggeri, e stando ben attenti a rispettare l’equilibrio necessario per la condizione ottimale del camion. Sembra facile, ma non lo è per niente: i rimorchi sono diversi uno dall’altro, così come lo sono i pellet e le merci da trasportare. Nemmeno il peso netto caricabile rimane costante di caso in caso: a mutare questa cifra concorrono infatti moltissimi fattori, come il tipo degli allestimenti dei rimorchi, il materiale con cui sono fatte le sponde, la presenza di più serbatoi nella motrice, il tipo di copertura e l’eventuale influenza della pesante sponda idraulica posteriore. Proprio per tutti questi motivi, l’approccio del riempimento volumetrico ha imposto lo sviluppo di un software in grado di definire, di volta in volta, le istruzioni per effettuare un carico. Anche nel campo del trasporto su gomma è stata così introdotta la figura dell’esperto di carico – il parallelo del classico responsabile di carico del settore navale – il quale si trova per forza di cose costretto a tenere un database aggiornatissimo sulle caratteristiche di rimorchi e merci. Insomma, il lavoro del magazziniere è diventato una continua sfida, paragonabile alle più difficili – ma anche più divertenti – partite a Tetris.

Questo articolo è stato scritto in collaborazione con Armo

Guide: Il digital signage di HDDS Vision

Il sistema di digital signage di HDDS Vision comprende l’insieme di soluzioni che possono essere sfruttate per la progettazione e la creazione di vetrine segnaletiche digitali, le quali a loro volta si possono dimostrare indispensabili in molti settori. Non bisogna fare altro che collegare un monitor di qualunque marca e di qualunque dimensione con il player da cui vengono diffusi i contenuti per mostrare quel che si desidera far vedere: si può trattare del menù di un ristorante, di un elenco di proposte immobiliari, di informazioni per i turisti, delle promozioni di un negozio, e così via. In questo modo avrete un perfetto monitor digital signage.

Con la versatilità del digital signage sono pressoché infinite le esigenze che possono essere soddisfatte: che si tratti di condividere delle foto, dei video, degli audio, dei contenuti testuali o qualsiasi altro tipo di informazione, tutto può essere gestito e tenuto sotto controllo tramite un pannello web che è decisamente semplice da usare. Tra i numerosi aspetti positivi che contraddistinguono il sistema, c’è la possibilità di pianificare l’orario di accensione e l’orario di spegnimento importandoli in funzione delle proprie preferenze. Ovviamente, tutti i contenuti che vengono mostrati possono essere integrati, modificati o aggiornati in qualsiasi momento.

La segnaletica digitale che si ottiene in questo modo può essere sfruttata sia avendo a che fare con monitor orizzontali sia avendo a che fare con monitor verticali, di qualsiasi dimensione essi siano. In un punto vendita o in un negozio di abbigliamento, per esempio, un totem interattivo che si basi sul digital signage può essere messo a disposizione dei clienti per consentire loro di trovare informazioni a proposito di questo o di quel vestito senza che gli stessi siano costretti ad attendere la disponibilità di un commesso. La rapida diffusione delle informazioni, in sintesi, è solo uno dei tanti motivi per i quali vale la pena di prendere in considerazione i benefici garantiti dai sistemi di digital signage.

Guide: Juan Carlos Marzi: un bollettino per quanto riguarda il 2016

Il giorno del matrimonio, si sa, è un giorno che si ricorderà per tutta la vita. E quando la memoria inizierà a svanire ci saranno le foto a dare una mano. Per questo è necessario assumere il miglior fotografo matrimonio, che riesca ad immortalare persone, cose e luoghi con professionalità. Tra i più bravi in assoluto nel settore c’è senza dubbio Juan Carlos Marzi, fotografo di Spilimbergo dotato di una tecnica perfetta ma anche capace di dare alle foto un tocco artistico molto suggestivo.

Juan Carlos Marzi è un fotografo assai richiesto, che durante il 2016 ha ottenuto grandi soddisfazioni dal proprio lavoro. Se si osserva la pubblicazione delle anteprime degli scatti effettuati a primavera/estate dell’anno in corso, salta subito all’occhio la qualità, tipica di chi ama il mestiere che svolge.

Ma Marzi non si è limitato a scattare foto in chiesa, in comune e ai rinfreschi. Ha infatti collaborato con importanti progetti. E’ stato chiamato dalla Little Piano School di Udine, e ha partecipato alla creazione di due calendari. Il primo è quello di Spilimbergo, il cui ricavato sarà devoluto alla locale scuola elementare. Il secondo calendario cui Marzi ha preso parte è quello della Onlus Dottor Sorriso, che finanzierà in questo modo la propria attività.

Anche il 2017 si preannuncia un anno ricco di soddisfazioni per Juan Carlos Marzi. La sua carriera è ormai proiettata verso il successo e sarebbe davvero una fortuna riuscire ad ingaggiarlo perché immortali il vostro matrimonio. Questo periodo dell’anno, tra novembre e gennaio, è quello in cui le coppie che intendono sposarsi nel 2017 iniziano a scegliere e a guardarsi intorno. E’ il momento adatto per contattare Juan Carlos Marzi, se si desidera un fotografo di matrimonio dallo stile giovane ma professionale, attento ai dettagli e capace di rendere al meglio l’atmosfera di quella giornata.

Guide: Prevenzione furti, stratagemmi facili

Come proteggere la tua casa o la tua azienda da intrusioni indesiderate? Il metodo migliore è quello di pensarci per tempo, rendendola un luogo sicuro tramite diverse accortezze, adatte a migliorare la sicurezza e scoraggiare gli eventuali malintenzionati.

Sistemi di protezione edifici: passivi e attivi

Per rendere uno spazio sicuro ci sono diversi accorgimenti, che passano attraverso dei sistemi di sicurezza che possono essere passivi, ovvero porte o portoncini blindati, infissi con vetri antiscasso, e così via. Oppure consulta www.antifurtocasawireless.eu/migliori-marche-antifurto-casa/ per scegliere un sistemi di prevenzione furti attivo, praticamente un impianto di allarme antifurto dedicato su misura all’edificio.

Prima di tutto, è bene ricordare le buone norme relative ai sistemi cosiddetti passivi, ovvero la chiusura di porte e finestre sempre adeguata, con un controllo periodico al buon funzionamento degli infissi e alla possibilità che vengano presi di mira.

Avere un giardino dove è facile introdursi, di certo presuppone un’accortezza a livello del portone principale, delle cancellate o inferriate che lo circondano.

Dopo di che, alcuni stratagemmi sono utili nei periodi di assenza, per non dare l’idea che la casa sia abbandonata. Qualcuno che ritiri la posta e apra le serrande ogni tanto, può dare modo a chi si trova fuori, di pensare che ci sia sempre qualcuno a sorvegliare la casa. Magari accendendo la radio o la TV, la parvenza di abitazione è completa!

Una luce accesa dalla strada, sicuramente scoraggia chi pensa non ci sia nessuno, lo stesso per uno stereo a tutto volume. Ma non sempre si trova qualcuno disponibile ad abitare la nostra casa, che sia fidato e libero nei periodi di assenza!

Gli impianti antintrusione

Di certo questo rappresenta il metodo di prevenzione furti attivo più valido, dato che l’installazione di un impianto di sicurezza, è la base per avere sempre sotto controllo l’edificio senza dover ricorrere a troppi stratagemmi oppure all’aiuto altrui.

Esistono impianti di antifurto in grado di controllare spazi interni ed esterni, in modo anche differente, per poter creare un ambiente protettivo sia per gli appartamenti che per i giardini, le scale di un eventuale condominio, il garage, il terrazzo, l’area antistante agli edifici come i parcheggi o gli spazi condivisi.

Diversi impianti di sicurezza sono pensati per una prevenzione furti semplice da acquisire, ovvero con impianti facili da installare e montare.

Gli impianti di antifurto wireless

Questi sono i ritrovati di ultima generazione tecnologica, in grado di fornire una sicurezza nella gestione dei sistemi antintrusione e, contemporaneamente, una sicurezza nelle fasi di installazione.

I sistemi per la prevenzione furti affidabili sono wireless, ovvero sfruttano le onde radio per interagire con l’ambiente. La centralina comunica con i sensori e con la sirena d’allarme, tramite delle onde radio che non creano falsi allarmi ma rilevano realisticamente le intrusioni indesiderate.

Niente più cavi (antiestetici e costosi come installazione) ma solo un sistema di onde che può agevolare il controllo dello spazio in modo ampio, come fosse un wi-fi della sicurezza!

La zona da controllare può estendersi a balconi, finestre, tetto, spazi esterni… una corretta prevenzione furti tramite antifurto wireless prevede dei sistemi studiati ad hoc per i propri edifici, con prestazioni che vanno da quelle basilari a quelle evolute, mediante sistemi integrati di videosorveglianza.

I sensori possono essere apposti sugli infissi di entrata o negli spazi esterni, comunicando tramite onde radio con la centralina. La possibilità, in caso di intrusione, è che la centrale chiami il vostro numero telefonico, mentre attiva la sirena di allarme. Può memorizzare anche il numero delle forze dell’ordine o l’invio di messaggi mirati a più utenti.

Diversi sistemi tecnologicamente evoluti, possono essere controllati anche da smartphone per l’attivazione e disattivazione del sistema da remoto: più semplice di così!

I modelli di antifurto wireless

Si parte dai sistemi di allarme in kit, completi di tutti gli elementi per la prevenzione furti, già pronti per il montaggio fai-da-te. Semplici, intuitivi e adatti a spazi ridotti, questi sistemi sono anche economici, partendo da costi mini di 300-500 euro, fino ai più sofisticati.

Nei casi di integrazione con telecamere a circuito chiuso e numerosi sensori, con sistemi altamente innovativi, il costo ovviamente sale; anche fino a 2.000 euro, per un impianto che garantisce, però, la sicurezza dai furti in ambienti più ampi come ville, villette, edifici condominiali ampi e dotati di spazi comuni esterni.

In tal caso, è fattibile una spesa congiunta, per impianti che saranno poi facilmente gestiti con connessioni internet, da tutti i condomini.

La prevenzione furti è possibile, basta organizzarsi prima che il furto avvenga!

Guide: Le novità dei Giganti Della Strada

Una novità molto interessante chiama in causa il settore del trasporto su gomma: si tratta del magazine online Giganti Della Strada, che può essere consultato e visitato in qualsiasi momento all’URL www.gigantidellastrada.it e che è pensato e realizzato per aggiornare tutti gli internauti in relazione alle novità dell’autotrasporto. Ecco, quindi, una ricca varietà di articoli e news sugli eventi del settore che si svolgono nel corso dell’anno in Europa, ma anche preziose anticipazioni a proposito delle innovazioni relative alla sicurezza stradale.

Non solo: il magazine trasporto su gomma permette anche di leggere e scoprire le caratteristiche e le potenzialità dei modelli di camion più recenti e degli ultimi veicoli industriali lanciati sul mercato, senza dimenticare dati e notizie sulle norme in vigore e sugli eventuali cambiamenti in fase di approvazione. Chi decide di ricevere la newsletter settimanale dal sito non solo conquista l’opportunità di ricevere in automatico gli aggiornamenti di maggior valore, in forma assolutamente gratuita, ma ha anche diritto a un coupon che permette di comprare, dal sito Rrudforce.it, ricambi per veicoli industriali senza dover pagare le spese di spedizione.

Il sito dei Giganti della Strada è aggiornato con continuità da una redazione che è sempre estremamente attenta alle novità del settore: gli articoli sono suddivisi in diverse sezioni – Sicurezza, Ricambi, Prove su Strada, Normativa, Eventi e Attualità – per permettere ai visitatori di trovare subito ciò di cui hanno bisogno e di scoprire gli argomenti a cui sono più interessati. Non solo: in home page sono anche segnalati gli articoli che hanno ottenuto più visualizzazioni nel corso dell’ultima settimana, così come gli articoli più letti nell’ultimo mese e gli articoli più letti di sempre, così da consentire agli internauti di non perdere nemmeno una delle hot news del settore.

Giganti Della Strada, che su Facebook ha già ottenuto più di 18mila like sulla pagina profilo, si presenta – quindi – come un innovativo e prezioso magazine online che si concentra sul mondo del trasporto su gomma e dell’autotrasporto in tutte le sue sfaccettature, con una ricca gamma di news e informazioni utili per conoscere questa importante realtà a 360 gradi.