I disturbi d’ansia sono condizioni in cui i sintomi di ansia sono così gravi o si verificano così frequentemente che iniziano a interferire con la vita quotidiana. L’ansia è una sensazione di irrequietezza. Tutti noi siamo ansiosi quando affrontiamo una situazione stressante, ad esempio un esame o un’intervista, oppure a causa di qualche preoccupazione, come una malattia. È anche normale sentirsi ansiosi di fronte a una situazione difficile o pericolosa. Spesso, l’ansia lieve può essere benefica e positiva, soprattutto se si esegue meglio sotto pressione. Fonte Studiontc

È considerato un disturbo d’ansia quando è cronico, grave e interferisce con le attività quotidiane. L’ansia eccessiva è spesso correlata ad altri problemi di salute mentale, come la depressione.

Tipi di disturbi d’ansia

Alcuni esempi di disturbi d’ansia sono descritti di seguito.

  • Fobie La fobia è una paura sproporzionata in relazione a qualche pericolo reale. Se una fobia interferisce con la capacità di condurre una vita normale, può essere considerata un disturbo d’ansia. Le fobie comuni sono la paura di altezze, ragni, ratti, sangue, iniezioni o spazi ristretti.
  • Disturbo di panico La persona che ha un disturbo di panico può improvvisamente sperimentare periodi di intensa paura, noto come attacchi di panico. È possibile che qualcosa causi attacchi di panico e che si verifichi anche senza una ragione apparente. Gli attacchi di panico durano di solito tra 5 e 10 minuti, ma possono durare più a lungo.
  • Disturbo ossessivo-compulsivo La persona che ha un disturbo ossessivo-compulsivo (OCD) può sperimentare ossessioni frequenti e / o compulsioni che causare ansia I sintomi dell’OCD variano da lievi a gravi e includono ossessioni (idee ricorrenti che producono ansia o ansia) e compulsioni (azioni o rituali considerati necessari per contrastare le ossessioni).
  • Disturbo da stress post-traumatico Disturbo da stress Disturbo da stress post-traumatico (PTSD) può verificarsi dopo aver vissuto o assistito a un evento traumatico. I sintomi del DPTS includono ansia, che può andare e venire, così come pensieri ricorrenti, ricordi, immagini e sogni, o angoscianti esperienze retrospettive dell’evento traumatico. Il PTSD può svilupparsi molti anni dopo l’evento traumatico.
  • Disturbo d’ansia generalizzato L’ansia può essere una malattia cronica perché ti preoccupi per la maggior parte del tempo di cose che potrebbero andare storte. Questo è chiamato disturbo d’ansia generalizzato (GAD). Se hai GAD, potresti anche soffrire di attacchi di panico e alcune fobie.

Sintomi di disturbi d’ansia

I disturbi d’ansia possono produrre sintomi sia psicologici che fisici.

Il sintomo principale del disturbo d’ansia si sentirà ansioso. Tuttavia, questo può portare ad altri sintomi psicologici, ad esempio:

  • difficoltà ad addormentarsi (insonnia)
  • affaticamento
  • diventa irritato o arrabbiato rapidamente
  • non può concentrare
  • paura è ” impazzire (a) “
  • sensazione di perdita di controllo delle tue azioni, o isolamento dall’ambiente

Quando sei ansioso, potresti anche avere vari sintomi fisici. Ciò è dovuto al rilascio dell’ormone adrenalico: la cosiddetta risposta “lotta o fuga” dell’organismo. I sintomi fisici dell’ansia includono quanto segue:

  • disagio addominale (ventre)
  • diarrea
  • secchezza delle fauci
  • tachicardia o palpitazioni
  • oppressione o dolore al petto
  • mancanza di respiro
  • ] vertigini
  • hanno bisogno di urinare più spesso del solito
  • difficoltà a deglutire
  • tremori

Questi sintomi possono essere dovuti ad altri problemi non correlati a un disturbo d’ansia. Se hai qualcuno di questi sintomi, consulta il tuo medico di base.

Cause dei disturbi d’ansia

L’ansia può avere molte cause diverse. Potrebbe non essere chiaro il motivo per cui soffri di ansia, ma è più probabile che tu abbia un disturbo d’ansia se si verifica quanto segue:

  • stai attraversando una situazione stressante e critica, come la perdita di una persona cara , o la presenza di qualche evento traumatico
  • ha un altro problema di salute mentale, ad esempio, depressione o dipendenza da alcol
  • ha qualche malattia fisica, come un disturbo della tiroide
  • consuma sostanze illegali, ad esempio, anfetamine , LSD ed Ecstasy
  • dopo l’uso prolungato di alcuni farmaci, come un tranquillante, lo fermano

Apparentemente, alcune persone nascono con la tendenza ad essere più ansiose di altre. Ciò significa che i disturbi d’ansia possono essere dovuti all’eredità genetica. Allo stesso modo, le persone che non sono naturalmente ansiose potrebbero essere così se subiscono un’intensa pressione.

Diagnosi dei Disturbi d’Ansia

Se credi che l’ansia stia influenzando la tua vita quotidiana, consulta il tuo medico di base.

Il tuo medico cercherà di determinare la causa della tua ansia; ti chiederanno quali sono i tuoi sintomi e ti esamineranno.

In alcune circostanze, il tuo medico di famiglia può indirizzarti a un consulente psicologico, terapeuta o psichiatra per integrare la diagnosi.

Trattamento dei disturbi d’ansia

Self-help

Potresti apportare alcuni cambiamenti nel tuo stile di vita per ridurre l’ansia. Ad esempio, spesso partecipando ad alcune attività fisiche, evitando stimolanti come fumo e alcol, oltre a seguire una dieta sana, sono misure che possono alleviare i sintomi.

Comunicare e parlare con altri che soffrono di disturbi d’ansia, attraverso associazioni caritatevoli e gruppi di pazienti, può essere una buona fonte di supporto e consulenza. Il medico di base può informarti sui servizi disponibili nella tua zona.

Terapie di conversazione

Il medico di base può indirizzarti a un consulente psicologico o terapeuta per il trattamento.

Parlare dei tuoi problemi con un consulente psicologico può aiutarti a far fronte meglio alla tua ansia. La consulenza psicologica può essere particolarmente utile se si soffre di un disturbo di panico, una fobia sociale o un disturbo d’ansia generalizzato, soprattutto a breve termine, ma non è adatto a tutti.

La terapia cognitivo-comportamentale (CBT) è un trattamento psicologico a breve termine. La CBT aiuta a contrastare comportamenti, pensieri e sentimenti negativi, ed è particolarmente appropriata se si hanno problemi come fobie o attacchi di panico.

Farmaci

Ci sono diversi tipi di farmaci che possono essere usati per trattare i disturbi d’ansia. A seconda del grado in cui l’ansia colpisce te, il tuo medico curante può prescrivere uno dei seguenti farmaci.

  • Le benzodiazepine possono essere utilizzate per alleviare l’ansia grave a breve termine. Non sono prescritti per l’uso a lungo termine a causa del rischio di dipendenza.
  • Gli antidepressivi possono essere presi da soli per l’ansia cronica o in combinazione con una benzodiazepina.
  • I beta-bloccanti possono ridurre alcuni dei sintomi fisici, come le tachicardie o palpitazioni e tremori. Tuttavia, non aiutano ad alleviare i sintomi psicologici dell’ansia.

Consulta sempre il tuo medico e leggi l’opuscolo informativo del paziente che viene fornito con il farmaco.

Terapie complementari

Alcune tecniche di rilassamento, come esercizi di meditazione o yoga a basso impatto o tai chi, possono aiutarti a far fronte all’ansia. Tuttavia, non ci sono abbastanza studi per indicare che questi tipi di terapia sono efficaci. Dovresti sempre consultare il tuo medico di famiglia prima di iniziare qualsiasi terapia o trattamento complementare.