Guide: La scelta del banqueting per le tue feste a Roma

Devi organizzare un evento o una festa di compleanno o per altra ricorrenza a Roma?
Vuoi un’idea originale? Allora il banqueting è la soluzione giusta e più adatta alle tue esigenze.

Il banqueting è una modalità di organizzazione di feste ed eventi ormai molto diffusa in tutto il mondo; nata in America, ormai è di gran moda anche in Europa, tanto che i vip e i personaggi pubblici organizzano gran parte dei loro eventi, pubblici o privati, con catering e banqueting, affidandosi a professionisti esperti.

Rispetto alle classiche feste nei locali o ristoranti, il banqueting consente un maggior grado di personalizzazione dell’evento, sia per quanto riguarda la location, sia per cibo ed allestimenti, che è possibile scegliere liberamente, senza dover rinunciare al tema della propria festa.

Per matrimoni, feste di laurea, addii al celibato, feste di pensionamento, di battesimo, compleanni o ogni altra ricorrenza potrai organizzare la tua festa con il banqueting.

Dovrai soltanto scegliere una location a Roma, che potrà essere anche casa tua o altra residenza privata oppure un locale affittato o una villa d’epoca autorizzata, ed affidarti ad una delle tante aziende che svolgono servizio di catering e banqueting a Roma che si occuperà del cibo e degli allestimenti.

Rispetto al semplice catering, che si occupa solo della fornitura di cibo e bevande, le aziende di banqueting offrono un servizio più ampio, occupandosi oltre al catering in senso stretto, anche degli allestimenti e dell’organizzazione dell’evento.

In base al tema scelto dal festeggiato, verranno realizzati tutti i servizi necessari per lo svolgimento dell’evento, a partire dagli inviti fino alle decorazioni floreali dei tavoli. Il menù, cibi e bevande, allestimenti dei tavoli e dei buffet, oltre a decorazioni floreali e allestimenti della sala verranno concordati e realizzati da personale specializzato e qualificando, consentendo al festeggiato di godersi al massimo la festa senza alcun pensiero con le garanzie di riuscita dell’evento.

Guide: Sabbiatura fai-da-te: come scegliere i giusti strumenti

foto da wikimedia.org

Chi è appassionato di fai-da-te nel campo del restauro e delle riparazioni ha già sentito parlare della sabbiatura, cioè l’abrasione della superficie di un oggetto con l’obiettivo di renderlo più liscio. Si tratta di un procedimento molto particolare – può essere applicato su materiali di qualsiasi genere e forma -, realizzato con un getto molto potente di aria, sabbia e acqua che altera la superficie del materiale, levigandolo, decorandolo o incidendolo.

Molto spesso la sabbiatura è fatta al fine di pulire un oggetto. Uno dei suoi usi più comuni è infatti quello di scrostare dalla ruggine, dallo smog, dalla sporcizia o dalle tracce di una vecchia verniciatura, prima di procedere con la nuova.

La sabbiatura rappresenta anche una soluzione ottimale quando c’è bisogno di ripristinare una superficie, livellandola per rimetterla in sesto dopo un urto, uno sfregio o un altro segno. In altri casi, l’alterazione può far parte del processo di lavorazione dell’oggetto, per renderlo adatto ad essere verniciato oppure inciso. I restauratori lo sanno bene: la sabbiatrice è un’ottima alleata quando si tratta di manipolare pietre, legno e vetro in campo artistico-museale.

In campo industriale e automotive, dove ad essere trattati sono oggetti di grandi dimensioni, il procedimento è automatizzato: con il metodo della sabbiatura “in tunnel” il materiale viene fatto passare all’interno di un cunicolo dentro il quale vengono sparati da turbine oscillanti i getti di aria, sabbia o acqua.

Al contrario, gli oggetti particolarmente piccoli vengono inseriti in appositi macchinari e trattati con la sabbiatura cosiddetta “a grappolo”.

La sabbiatura manuale, per pulire o levigare una superficie, può essere realizzata anche col fai-da-te, ad esempio per trattare la scocca della moto da riverniciare, per ritoccare i particolari della barca, o per ridare lustro a una vecchia statua in marmo. A patto, ovviamente, di essere muniti degli strumenti adatti, realizzati per questo scopo.

Si può noleggiare l’attrezzatura, oppure cercare una sabbiatrice usata a buon mercato. Per lavori molto piccoli un kit di sabbiatura e un’idropulitrice sono più che sufficienti. Mai dimenticare di indossare guanti, tuta, scafandro e tutti gli accessori antinfortunistici. In ogni caso, è importante che la strumentazione acquistata o affittata sia stata omologata e sottoposta a severi controlli in tema di sicurezza, per verificarne e garantirne il corretto funzionamento e i massimi standard qualitativi.

Esistono diverse tipologie di sabbiatrici: amatoriali, portatili, industriali e idropulitrici. La scelta dipende ovviamente dall’uso che se ne deve fare e dalla frequenza con cui si prevede di usarla.

Guide: Migliorprezzo.it: un centro commerciale online a portata di clic

Il mondo dell’online ha fatto prepotentemente irruzione in diversi settori del mercato moderno, offrendo agli utenti la possibilità di portare in casa propria un centro commerciale dove acquistare ogni tipologia di prodotto, seduti comodamente sul divano del proprio salotto con pochi clic. Migliorprezzo.it ha recepito perfettamente le nuove direttive del mercato, allestendo diverse vetrine online dove sono presenti prodotti per tutti i gusti e per tutte le esigenze. Proprio come un centro commerciale, il sito di e-commerce è suddiviso in varie aree con tante piccole categorie per fare i grandi e piccoli acquisti per le proprie necessità, pagando direttamente sul web a prezzi competitivi e per tutte le tasche.

Nello specifico il sito è suddiviso in 8 macro sezioni: fai da te, cucina, informatica, elettronica, salute e bellezza, casa e giardino, strumenti musicali, sport e tempo libero. Lo scopo del sito è di offrire ai propri utenti un servizio di qualità e di quantità, mettendo in vendita i prodotti delle migliori marche più datati e quelli più recenti. I negozi di e-commerce si fanno preferire ai negozi fisici poiché hanno meno spese, tutto si svolge online, quindi possono vendere i loro prodotti a prezzi ridotti, senza minare assolutamente la qualità del servizio. Una volta ordinato il prodotto sarà spedito direttamente a casa, senza nessun’altra incombenza per l’utente.

Ogni singolo prodotto è dotato di una scheda tecnica comprensiva di tutte le caratteristiche principali, di una recensione, dei consigli per l’uso e dei commenti degli altri utenti che già l’hanno provato. In questo modo sarà possibile avere un quadro completo del prodotto, valutando con calma quello adatto in base alle proprie esigenze. Un apposito video spiegherà il funzionamento e le peculiarità di ogni singolo articolo, e l’utente potrà vedere con i propri occhi i vantaggi offerti e l’utilizzo. Inoltre è possibile confrontare i vari articoli per fare una comparazione precisa e dettagliata.

La sezione “cucina” offre i prodotti più utili per chi ama stare ai fornelli, mentre gli smanettoni dei computer troveranno gli articoli più tecnologici ed innovativi nelle sezioni “informatica” ed “elettronica”. Gli hobbisti potranno scatenarsi negli acquisti più divertenti ed utili per i piccoli e grandi lavoretti in casa nella sezione “fai da te” e “casa e giardino”. Chi invece vuole essere sempre in forma e stare bene troverà ciò di cui ha bisogno nelle sezioni “salute e bellezza” e “sport e tempo libero”. Infine gli amanti della musica troveranno un repertorio molto ampio di prodotti nella sezione “strumenti musicali”.

Pinac

L’Associazione offre alla Pinacoteca di Brera una collaborazione disinteressata, libera e competente. Favorisce donazioni ai musei. Promuove e finanzia restauri e interventi sul patrimonio artistico. Offre al pubblico di tutte le et� occasioni di incontro e scoperta dei musei con la guida di storici dell’arte. Offre agli associati informazioni, facilitazioni e servizi per la partecipazione diretta alle manifestazioni della Pinacoteca di Brera. Organizza per gli associati visite guidate da esperti durante le manifestazioni pi� importanti della citt�, viaggi in occasione di mostre, itinerari a tema, tavole rotonde e convegni.

‘Associazione, costituita con atto notarile il 21 Dicembre 1949, non ha scopi di lucro, ed � iscritta nel Registro delle Persone Giuridiche presso la Cancelleria del Tribunale di Milano in data 28 Marzo 1997, n. 1544, vol. 65, pag. 243.

‘associazione � offerta a tutti coloro che, interessati alla realizzazione delle finalit� istituzionali, ne condividono lo spirito e gli ideali.

a Pinacoteca di Brera č collocata nell’omonimo palazzo, dove trovano sede anche altre istituzioni culturali, quali la Biblioteca, l’Osservatorio Astronomico, l’Orto Botanico, l’Istituto Lombardo di Scienze e Lettere e l’Accademia di Belle Arti.

La Pinacoteca di Brera č il principale museo d’arte di Milano, uno dei pių importanti del mondo per le sue prestigiose raccolte di pittura antica e moderna. L’itinerario di visita prende avvio con la donazione Jesi, selezionata raccolta di dipinti e sculture d maestri italiani del XX secolo. Segue il settore dedicato ai fondi oro e ai dipinti tra Trecento e Quattrocento con i capolavori di Gentile da Fabriano, di Mantegna, di Giovanni Bellini e di Carpaccio. Si passa dunque ai vasti saloni napoleonici in cui sono esposte le tele, gi affreschi staccati e le tavole di maggior dimensioni, come la Predica di San Marco in Alessandria di Gentile e Giovanni Bellini, il Ritrovamento del corpo di San Marco di Tintoretto, varie opere di Veronese, il polittico di Vincenzo Foppa, la Crocifissione del Bramantino e altri importanti dipinti veneti e lombardi quattro-cinquecenteschi.
Sale dedicate ad altre scuole del XV secolo (fra cui, ben rappresentate, quella ferrarese e quella marchigiana) precedendo l’ambiente in cui sono raccolti altri capolavori della Pinacoteca: il Cristo alla colonna di Bramante, la Pala Montefeltro di Piero della Francesca e lo Sposalizio della Vergine di Raffaello.

Si prosegue poi verso la sezione della pittura del Seicento, che si apre con le tele dei Carracci e la Cena di Emmaus di Caravaggio.
Il Settecento č rappresentato soprattutto da opere di maestri veneti, come Tiepolo e i vedutisti Canaletto, Guardi e Bellotto.
Concludono la visita i dipinti ottocenteschi, dal neoclassicismo di Appiani al romanticismo di Hayez, fino ai Macchiaioli e alla versione preliminare del celebre Quarto Stato di Pellizza da Volpedo.

Credits Pasini